Autore: Redazione

«Si parla da tempo di fine delle ideologie e di fine delle ispirazioni ideologiche dei partiti. Questo è certamente positivo se noi pensiamo ai danni e ai crimini che certe ideologie e miti hanno determinato in questo nuovo secolo. Ed è anche positivo se per ideologie si intendono – come sono state spesso intese - impostazioni del tutto astratte, fuori della storia e della realtà in cui operiamo. Ma la fine delle ideologie non può portare all'estremo opposto di pragmatismi o di empirismi privi di ispirazioni ideali e tali da giustificare ogni compromesso e ogni rinuncia. I partiti devono pur sempre muovere da ispirazioni ideali e nella loro azione devono essere coerenti con le idealità che li ispirano. Il Partito Repubblicano Italiano non è mai stato un partito ideologico, ma esso è sempre stato un partito di ideali: nella volontà di tradurre i propri ideali, maturati nella storia del paese, in azioni concrete con l'impegno morale e con la capacità tecnica che l'azione politica richiede» (Bruno Visentini)