In ricordo di Rinaldo Ruschi

Il 7 febbraio 1817, Pisa, nasce Rinaldo Ruschi. Appartenente ad una famiglia con interessi in attività manifatturiere e agricole, laureato in matematica e fisica all’università di Pisa, partecipa ai soccorsi alle popolazioni colpite dalle inondazioni del Serchio nel 1843 e dell’Arno nel 1844. Cofondatore e collaboratore del giornale “L’Italia” di Pisa nel 1847, Capitano della Guardia civica di Pisa, sovrintendente del Conservatorio dei poveri orfani dal 1848, è tra i volontari che partecipano alla Prima Guerra d’indipendenza con il battaglione universitario toscano, partecipando alla battaglia di Curtatone, dove è catturato dagli Austriaci. Proprietario di una filanda per la trattura della seta a Calci, liberale, dopo la rivoluzione toscana del 1859 è membro della Consulta di Stato e della Assemblea dei rappresentanti, è incaricato dal Governo provvisorio toscano di reggere la provincia pisana ed è segretario, della commissione per la riforma della Amministrazione dei fiumi e dei Fossi della Provincia di Pisa. Eletto deputato per il collegio di Pisa nelle file della destra dal 1860, nominato Senatore nel 1868, Consigliere comunale e provinciale di Pisa, fondatore della Scuola di mutuo insegnamento di Pisa, vicepresidente dell’Accademia di belle arti di Pisa, membro della Société internationale des texiles, muore a Pisa il 3 febbraio 1891.