Commento politico al commento impolitico

“Il commento politico” è un importante contributo alla riflessione svolto da alcuni amici della Fondazione La Malfa, a cui i repubblicani non possono che essere grati. La forma anonima di alcune note, rischia di apparire come tipica di una corrente di partito, il commento è principalmente diffuso sui forum repubblicani, ma è in verità sempre frutto di un simposio di intelligenze. Pochi giorni fa è apparsa una nota anonima mirabile sulla solidarietà nazionale che è condivisibile in tutto, se non per i titoli europeisti che distinguerebbero lega e movimento cinque stelle. Il movimento Cinque stelle è stato infatti per anni accanto a Farage nell’europarlamento tanto da essere respinto dall’Alde. Se poi oggi ha cambiato posizione, dopo che ha cambiato l’alleanza di governo, anche la Lega potrebbe domani fare lo stesso per qualche convenienza. Ma ammettiamo volentieri che il commento politico possa vedere meglio di chiunque altro il rapporto Lega – cinque stelle e che abbia ragione anche su questo punto. Di certo ha ragione quando nella nota si scrive, “i governi di emergenza nascono se un’emergenza c’è”, per poi aggiungere: “oggi non siamo in queste condizioni”. Benissimo, per la verità non è facile capire se siamo o se non siamo in emergenza, ma certo il governo l’ha già prorogata. Se non c’è l’emergenza la domanda che facciamo a “il commento” è perché il governo la proroga? E quando invece se c’era l’emergenza, se il governo poteva affrontarla sulla base di un codice della protezione civile. Anche questo dobbiamo sottoporre a “il commento”, ovvero il fatto che con un codice della protezione civile si può affrontare l’emergenza del comune di Alzano, di un comune come Nembro, forse del Lodigiano, ma non certo dell’intero territorio nazionale. Quando mai la protezione civile ha ritenuto di potersi assumere un tale compito di surroga delle istituzioni democratiche, di rimettere le valutazioni del parlamento ad un qualche comitato tecnico scientifico per più di un anno fra l’altro? E leggiamo che non c’è manco più l’emergenza? Allora scusate con tutto il rispetto per il commento politico, ci servirebbe un commento costituzionale. Ad esempio il professor Ainis ha detto che la proroga dell’emergenza non lo è. A questo punto stabilito che la proroga dell’emergenza non è costituzionale, e che il governo proroga un’emergenza che non c’è, vorremmo un commento politico.