Coprifuoco

Nel gaio dissolvimento della costituzione Repubblicana, cioè del fondamento della Repubblica, si usano con assoluta leggerezza i termini più sconosciuti. C’è già chi con tanto di vocabolario ti spiega compito che in fondo il coprifuoco significa solo dover restare in casa tra il tramonto e le nove di sera, al limite a luci oscurate, insomma una sciocchezza. Ora facciamo finta che non conti nulla il fatto che dal secolo scorso ad oggi l’ Europa abbia conosciuto il coprifuoco sotto l’occupazione nazista, e poi nell’ Algeria francese con i paracadutisti coloniali. A proposito a le Monde se lo ricordano scriveva Sartre, la De Bevoire su le Monde. Ma insomma la storia ha perso ogni valore da tempo, benissimo. Chi è che controlla il rispetto del coprifuoco? I vigili urbani, quelli del fuoco? È ovvio che né polizia né Carabinieri sarebbero in grado di adempiere ad un tale impegno in tutte le strade italiane e nemmeno nel caso migliore, il bravo governo è comprensivo e potrebbe decretare dalle 21 alle sei, proprio se va male dalle venti. A quel punto le strade daranno deserte. Metti che hai dimenticato le sigarette, o di portare una cosa a zia o andare dalla fidanzata, stai fresco. Restiamo in casa e sì grato che il governo non ti taglia la luce. Già si dovrebbe capire che era meglio il lockdown dove almeno potevi portare il cane fuori entro i cento metri da casa a qualunque ora del giorno e della notte. Ora abbandonate i cani. Ma mettiamo che il primo mese di coprifuoco passi serenamente. Coprifuoco in proroga per le feste perché in un paese in cui si infettano i conventi delle monache di clausura altro che chiudere la movida, il calcetto. Può darsi che al secondo mese di coprifuoco qualcuno sotto Natale non ne possa più e decida di andarsi a fare la tombolata dai cugini che sono solo in cinque. Viene beccato dall’esercito. Se mi fermo mi piglio mille euro di multa. Tento la fuga. Cosa fa il povero militare secondo voi davanti ad uno che scappa la notte durante il coprifuoco? E se fosse un asintomatico? Posso lasciare circolare un pericoloso asintomatico per la città? Cosa ci sta a fare il coprifuoco? Ma mica c’è scritto sul dizionario che si deve sparare. È vero non ce n’è bisogno di scriverlo