Mai più lockdown

Macron e Merkel non sembrano preoccupatissimi delle questioni democratiche ma almeno hanno una sana educazione all’economia capitalistica e di mercato. Visti i dati poco incoraggianti della riapertura, la Germania sta un po’ meglio perché non ha avuto forsennati pazzi come in Italia, hanno subito messo le mani avanti. I contagi aumentino pure mai più il lockdown. C’è n’è voluta ma ci siamo arrivati. Le società occidentali non possono praticare l’isolamento alla cinese perché ripiomberebbero immediatamente nel medio Evo. Macron l’ha detto: non possiamo chiudere le frontiere e Merkel è d’accordo. Le grandi democrazie occidentali non possono farsi prendere alla gola dalla paura di un virus. Devono essere in grado di tutelare la popolazione sulla base della normativa di legge vigente. Possono avere un’esitazione e dover sospendere i diritti costituzionali per calibrare la risposta da dare alla minaccia, ma devono allora estendere il controllo della istituzioni preposte, rafforzare il potere parlamentare evitare che le decisioni si prendano senza nessun confronto. Ci vogliono poteri dittatoriali altrimenti, cosa che il modello costituzionale italiano, ad esempio non permette, né lo permette il semipresidenzialismo francese e meno che mai la Repubblica parlamentare tedesca. Quello che è avvenuto in Italia in questi mesi dove il potere decisionale si è concentrato nelle mani del premier e della protezione civile è indegno di una Repubblica democratica. Indegno di una civiltà occidentale. Il prezzo che il paese pagherà per questo delirio sarà superiore a quello che pure ha già pagato in morti. Il serafico ministro Gualtieri che non ha capito come sia difficile ripartire quando ancora permane la mentalità terrorista che anima il suo governo, se ne accorgerà presto. Fortuna vuole che abbiamo la Francia e la Germania. Non che siano perfette ma non ci seguono nel baratro che il governo italiano stava scavandoci sotto i piedi.