Le condizioni rigorose

Se voi seguite il dibattito fra Lega e 5 stelle che si sta svolgendo sui network, vedrete che la pensano uguale. Entrambi sono contrari al Mes perché ne temono le condizioni rigorose. Non si tratta quindi di valutare se un appoggio economico dato dalla comunità Europea al nostro paese possa essere utile o meno, vantaggioso o dispendioso, questioni che non interessano affatto lo svolgimento del dibattito. Si tratta invece che entrambe Lega e 5stelle avvertono la minaccia di una Europa capace di imporre all’Italia un governo non eletto poiché evidentemente sia la Lega che i 5 stelle escludono si possano soddisfare queste condizioni, ovvero le riforme. Ora si potrebbe anche trovare curiosa l’idea che gli altri stati europei diano soldi ad un paese membro per i suoi begli occhi. Una comunità si deve pur dare delle regole al suo interno da rispettare e non si capisce per quale ragione l’Italia, che è un paese ricco, magari ancora per poco, ma diciamo che almeno fino al governo Conte era un paese ricco, dovrebbe esserne esentata. Ma c’è anche un problema più generale. Lega e 5 stelle temono che si imponga agli italiani un Governo non eletto da loro, che pure non hanno eletto nemmeno il governo Lega 5 stelle, gli italiani infatti non eleggono i governi, ma solo i parlamenti, ancora non lo si è capito. Prendiamo però questa terribile minaccia per la quale accettando il Mes sarebbe l’Europa a decidere il governo italiano. Nell’ambito di una costruzione europea sarebbe giusto, gli italiani potrebbero decidere il loro governo di singolo stato, ma concorrerebbero con gli altri stati ad eleggere quello unitario federale. In altre parole sarebbe giusto nell’ambito di una prospettiva europea che fosse l’intera Europa a scegliere il nostro governo. Questo sarebbe un grande favore all’Italia considerate le scelte autonome fatte da un po’ di tempo a questa parte.