Usa-Cina. Le due potenze a confronto sul tema dei diritti umani

L’anno 2020 che stiamo vivendo, è costellato da rilevanti avvenimenti di sicuro interesse geopolitico. Prendiamo, ad esempio, quello che sta accadendo a Hong Kong la regione ad amministrazione speciale della Cina, che fino al 1997 era parte dell’impero britannico.
Ebbene in quella regione, appena sono state attenuate le restrizioni alla libera circolazione delle persone in conseguenza del Covid-19, sono riprese le iniziative pro-democrazia, contro le imposizioni fatte dal governo di Pechino.
Per intenderci, in base al principio “un paese due sistemi”, Hong Kong possiede un sistema politico diverso dalla Cina Continentale, ed è uno dei centri finanziari internazionali più importanti del mondo perché vanta una sviluppata economia.
A ciò si aggiunga che gli Stati Uniti, da molti anni ormai, hanno individuato nelle opposizioni al regime di Pechino da parte dei cittadini di Hong Kong, un valido pivot per contrastare l’ascesa dell’impero cinese in quella regione del mondo.
Non a caso, la recente legge di sicurezza nazionale di Hong Kong approvata dall’ Assemblea Nazionale di Pechino, ha fatto nascere negli Hongkonghesi il fondato timore che Pechino voglia imporre un grande controllo sulle manifestazioni e sui social network nel paese, come già accade, del resto, in Cina.
Quindi le manifestazioni di questi giorni sono dirette a difendere i diritti e libertà fondamentali riconosciute al paese.
Come il diritto all’informazione, il diritto riunirsi e manifestare, il diritto di libera espressione del pensiero.
Per ironia della sorte, nelle ultime ore anche negli USA la popolazione è scesa in piazza per difendere il valore sacro della vita umana da ogni abuso.
Ci riferiamo alla protesta, sfociata in veri atti di violenza urbana, in tutte le città americane, generata dalla morte del giovane afroamericano George Floyd per mano di un agente di polizia durante un controllo nella citta di Minneapolis.
Insomma, la sfida tra i due giganti mondiali è apertissima, e investe il campo economico, tecnologico e militare, ma da oggi anche su quello dei diritti umani.
Abbiamo intervistato Shary Mitidieri, esperta di relazioni internazionali.

Ascolta l’intervista