Polini: «Italia a passo di gambero»

«Il passo in avanti dell’Europa c’è ed è molto significativo. La Cancelliera Merkel e il Presidente Macron hanno concordato sulla necessità di istituire un Fondo Europeo di ricostruzione post coronavirus da 500 miliardi. Si tratta della proposta che era stata avanzata già diverse settimane fa dall’Italia, dalla Francia e da altri sei paesi». Così oggi Giorgio La Malfa su Il Commento politico

Un risultato importante che arriva nella settimana della ripartenza, quando tutto deve essere rubricato alla voce incubo. Non è andata bene affatto. Abbiamo scoperto la parte peggiore della nostra società. Abbiamo scoperto una classe politica, pasticciona e inadeguata, che ha gestito l’emergenza in modo inefficace. Abbiamo scoperto, ma lo sapevamo, che tagli lineari alla sanità in nome del risparmio vuol dire farsi trovare impreparati. Abbiamo scoperto che alla scienza non puoi chiedere niente prima, che la scienza arriva sempre dopo. Farà anche qui chiarezza il Codacons, ma se lo scienziato si siede in un salotto televisivo, e prende 2000 euro per 10 minuti, è normale che è il primo a desiderare che l’emergenza non finisca mai. Abbiamo scoperto una ferocia delle forze dell’ordine contro pensionati, adolescenti inquieti e runners che non avremmo detto: droni, elicotteri e sub per le grigliate del 25 aprile sui tetti come mai per Messina Denaro. Abbiamo scoperto gli italiani delatori, per cui la libertà è un capriccio.

Ne abbiamo parlato con Michele Polini, segretario dell’unione romana del PRI.

Ascolta l’intervista