L’Espace d’un Matin

Dal 18 maggio le regioni italiane avranno la piena competenza a gestire le aperture di quasi tutte le attività: bar, ristoranti, negozi e parrucchieri. Avranno anche la competenza sulle aperture degli stabilimenti balneari; anche se al momento comporterà esclusivamente la manutenzione preparatoria dei manufatti. Dopo 60 giorni è cessata “la dittatura”del premier. Questa conclusione mi ha riportato alla mente le liriche del poeta francese della seconda metà del 1500, F. M Malherbe, quando commentando la leggiadria delle rose (e la breve durata) le apostrofava con l’accentuazione temporale de “L’Espace d’un Matin”. Le competenze quindi passano (ritengo con elevata probabilità) a quella monocratica dei governatori. Dio salvi gli Italiani. La quasi totalità dei Governatori opera con la forma mentis di un sindaco di periferia. Cessa a questo punto ” la tirannide” di Conte; e voglio apostrofare questo atto con un altro verso che lo stesso Poeta ha dedicato al re di Francia Enrico IV, quando scriveva: «Per quanto assoluto voi siate non sapreste, Sire, abolire o permettere una parola che l’uso non autorizzasse». Penso con curiosità a cosa si dedicheranno a partire dai prossimi giorni i puristi del costituzionalismo di casa nostra, nel momento in cui non possono più scrivere delle malefatte ”del fuhrer” von Conte, come qualcuno era solito apostrofare da qualche giorno, il presidente del consiglio (von Conte). Il quale si verrà a troverà ora senza il von, e senza le prospettive di poterlo recuperare. Cessato il pericolo della dittatura incombente, i cultori della resistenza con penna e tablet stanno già dando mano alla loro peculiare Fase 2. Hanno trovato in Silvia Romano e nel governo che ha fatto sì che la ragazza potesse essere restituita alla famiglia l’obiettivo delle loro invettive e recriminazioni; senza nemmeno chiedersi , prima, cosa loro avrebbero auspicato e sollecitato qualora fosse in gioco la liberazione di un loro congiunto sequestrato. Immagino che nei prossimi giorni si applicheranno in un impegno distruttivo. E pensate che in questo caso il governo ha fatto esattamente quanto in precedenza nelle medesime situazioni hanno fatto tutti i governi nazionali del momento.