Fusignani: «Ora occorre guardare avanti. Con responsabilità»

«La fase 2 di convivenza con il Covid-19 – dichiara il vicesindaco di Ravenna Eugenio Fusignani – deve essere la fase della responsabilità da parte di tutti, cittadini e imprenditori, che dovranno rispettare le norme di sicurezza. Pur comprendendo quanto le misure di confinamento stiano pesando, psicologicamente ed economicamente, dobbiamo essere consapevoli che dal 4 maggio non potremo fare ciò che vogliamo, come se nulla fosse accaduto».

«Un comportamento responsabile significa aiutare tutta la comunitàin particolare il mondo imprenditoriale, compreso artigianato, commercio e servizi alla persona come estetisti e parrucchieri che desidera prepararsi alla riapertura contando su un andamento dell’epidemia in continuo calo. Il modo migliore per sostenere l’economia è consentire alle imprese di lavorare. Per questo un comportamento responsabile è al contempo un messaggio di fiducia nel fatto che, se sapremo compiere i giusti passi nei giusti tempi, il percorso continuerà ad essere un cammino in avanti, senza i più negativi e pericolosi passi indietro che potrebbero essere rappresentati, per tutti, dal voler bruciare le tappe» spiega Fusignani.

«Non ci possiamo permettere di tornare indietro, non solo per le persone che rischiano il contagio e la vita, ma anche per il mondo economico che è necessario possa ripartire, pur con gradualità. Confido nella nostra gente, capace di cogliere anche in questa fase la delicatezza della situazione. Autoregolamentarci come collettività è un grande segno di maturità. Come istituzione continueremo a monitorare attentamente la situazione, a dialogare con il governo regionale e nazionale affinché possa adottare le più efficaci misure di sostegno e rilancio e ad adoperarci per mettere in campo quelle possibili per quanto di competenza comunale» conclude il Vicesindaco.