«Non tocchiamo nulla. Alla fine si faranno i conti»

Anche di follia si può morire. E il clima da dittatura sanitaria rischia di fare danni seri. Molti di più di quanti ne abbia fatti il Coronavirus (che per la verità secondo l’Istat e per stessa ammissione oggi dell’assessore regionale alla sanità del Lazio Alessio D’Amato il numero di decessi è in linea con il 2019). Le misure prese per Alessandro Meluzzi sono però autoritarie, si tratta, ha detto a Radio Radio, di un “clima da polizia fascista”. «Un elicottero che insegue un uomo su una spiaggia o una donna che porta a passeggio il cane è assurdo. Di fronte a tutte queste misure non si può non cogliere un fondo di follia a cui si innestano reazioni sproporzionate epiche e da commedia. Una tragica-commedia».

Quanto durerà questo clima in cui sono state sospesi valori delle democrazie liberali? Difficile dirlo. Non è affatto scontato un suo ritorno in autunno (che avverrebbe probabilmente con una forza minore). La diffusione del virus Sars-Cov-2, responsabile della Covid-19, si esaurisce dopo 70 giorni dal primo contagio in qualsiasi parte del mondo, a prescindere dalle misure di contenimento adottate dai vari governi. È quanto sarebbe emerso dalle ricerche condotte dal professor Isaac Ben Israel, ex generale israeliano, capo del programma di studi sulla sicurezza dell’Univeristà di Tel Aviv e presidente del Consiglio nazionale per le ricerche e lo sviluppo, secondo quanto dichiarato all’emittente “Channel 12” dallo stesso esperto.

Il Governo Conte non sempre si è mostrato all’altezza in queste settimane. «Ma questa non è una buona ragione per sostituirlo in questo momento», dice Claudio Chioccarello, segretario organizzativo dell’unione romana del PRI. «Anzi, sostituirlo adesso è pura follia, perché l’emergenza va governata e non ci possiamo permettere sciocchezze». Il riferimento è al governo di unità nazionale invocato da molti, e anche dal segretario del Partito Repubblicano Corrado De Rinaldis Saponaro, con a capo Mario Draghi. Un governo in grado, nei desiderata dei proponenti, di gestire meglio l’emergenza economica che lascerà.

Ascolta l’intervista