La Malfa sul Mattino: «Ora la parola passi agli economisti»

Sperando che si stia avvicinando la fase due, dal 14 aprile e in maniera più piena dal 3 maggio, cioè la possibilità di una ripresa dell’attività economica, bisogna cominciare a pensare a come ripartire.

Scrive Giorgio La Malfa: «L’Italia si è progressivamente indebolita negli anni per avere privilegiato la difesa dei redditi e dei consumi individuali rispetto ai consumi sociali e agli investimenti. Su questo giudizio credo che convengano tutti. Per esempio la sostanziale stagnazione della produttività viene attribuita alla scarsità degli investimenti privati e pubblici, industriali e infrastrutturali. Ma quando si tratta di decidere come cambiare la composizione della spesa si incontrano tutte le difficoltà politiche sperimentate in questi anni. Ma ora non possiamo sottrarci a questa scelta. E nello stesso tempo c’è un’urgenza di definire il nostro modello di ripresa, perché altrimenti rischiamo che quando saranno disponibili i fondi europei che tutti invochiamo a gran voce, ancora una volta l’Italia non sia preparata a utilizzarli».