Il figlio migliore

Quale che sia la valutazione sul voto in Inghilterra, il dato incontrovertibile è che se ancora quindici anni fa la maggioranza della popolazione inglese premiava un leader europeista come Tony Blair, ora è schierata con il suo esatto opposto. Di quest’evoluzione non è che gli europei possono sentirsi vittime, furono loro per primi a contestare le scelte politiche di Blair in Iraq e a rompere il fronte occidentale. Può darsi benissimo che Bush e Blair avessero sbagliato tutto, ma quando Obama e Sarkozy sbagliarono a loro volta nella guerra in Libia, l’Inghilterra non si mise loro di traverso. Il fronte occidentale si ruppe grazie alla Francia di Chirac e il tentativo di ricomposizione di Cameron dieci anni dopo, ha sollevato la più assoluta indignazione inglese che si è pronunciata per un sicuro esponente politico, Boris Jonhson, privo di qualunque spirito europeista. Se guardiamo all’intera storia britannica nel corso degli ultimi cinque secoli, Blair era l’anomalia, Johnson la regola. Quali che possano essere le conseguenze economiche del processo che si è attivato, possiamo essere subito preoccupati dai suoi effetti politici. Ogni volta che l’Inghilterra si è allontanata dall’Europa l’intero continente ne ha risentito, per non dire che il presupposto di democrazia e libertà civili è meglio assimilato da loro che da noi e questo nonostante siano rimasti una monarchia. La corona inglese dalla seconda metà del 1600 si preoccupa di bussare con garbo alla porta del Parlamento, quando dalle nostre parti, senza necessariamente portare una corona, spunta sempre qualcuno che i parlamenti vuole chiuderli, azzerarli o dimezzarli. Gli inglesi che sono comunque abituati a considerare l’Europa con degnazione non hanno valutato adeguatamente i rapporti con irlandesi e scozzesi, rimasti legatissimi al vecchio continente. Sarebbe molto doloroso per Londra, se in attesa dei promessi vantaggi dalla separazione, dovesse scontare il prezzo di mai sopiti rancori all’interno della Gran Bretagna. Infine l’Europa dovrà pur iniziare a riflettere su se stessa. Perso uno dei suoi figli migliori, quelli che le rimangono non sono poi così entusiasmanti.