Il gesto di Almirante e Berlinguer: Padellaro a colloquio con La Malfa. Online la registrazione integrale

«È accaduto per davvero – recita il risvolto dell’ultimo libro di Antonio Padellaro – Conosciamo i loro nomi: Giorgio Almirante ed Enrico Berlinguer. Ora sappiamo che si incontrarono per quattro o sei volte tra il 1978 e il 1979. Sappiamo che il luogo prescelto era una stanza accanto alla Commissione Lavoro all’ultimo piano di Montecitorio. Sappiamo che si vedevano preferibilmente nel deserto parlamentare del venerdì pomeriggio. Sappiamo che solo quattro uomini ne erano a conoscenza, di cui tre sono morti (Almirante, Berlinguer, Tatò). È rimasto un solo testimone: si chiama Massimo Magliaro, all’epoca era portavoce di Almirante e capo ufficio stampa del MSI. Almirante e Berlinguer avevano deciso di scambiarsi informazioni riservate. Ma i colloqui tra i due leader rappresentano anche un gesto, un modo nobile di intendere la politica di cui oggi, nell’era dei social e dell’insulto mediatico non rimane più traccia».

E proprio sul significato di “gesto” e sul libro in questione Antonio Padellaro in una intervista afferma: «La politica fatta solo di parole è una politica vuota, ma i gesti in politica possono non aver bisogno delle parole, perché di per sé possono avere conseguenze tali di cui dobbiamo essere grati a chi ha voluto compierli per trovare intese su temi di così grande rilievo».

Cosa può insegnare quel gesto di allora alla politica di oggi?

«Può insegnare che i gesti contano. Che questo Paese ha bisogno di atti concreti e anche di gesti di un certo tipo, di condivisione, non di inciuci, si badi bene, non di patteggiamenti o accordi sotto banco, ma di condivisione di punti fondamentali in nome del bene comune».

L’incontro con l’autore de Il Gesto di Almirante e Berlinguer con Giorgio La Malfa fa parte dei tradizionali incontri organizzati ogni mese dalla Fondazione Ugo La Malfa. Introdotto e coordinato da Mauro Aparo, segretario generale della FULM, il pomeriggio di oggi è stato anche l’occasione per parlare di anni drammatici della nostra storia recente, come quello del rapimento di Aldo Moro e dell’attuale situazione politica.

Ascolta la registrazione