Italia al bivio. Con i Repubblicani per imboccare la strada giusta

Il Partito Repubblicano accelera. Nelle settimane scorse ha messo in moto, ha verificato, con gli Stati Generali, lo stato di salute del motore. E la risposta è stata positiva: al nord, al sud e al centro l’entusiasmo c’è, assieme alla voglia di partire. Poi si è parlato di ipotesi, di valori da mettere in campo. Perché una volta che si è in moto, bisogna andare da qualche parte. E l’itinerario lo si è più o meno definito nell’ultimo consiglio nazionale. Tutti lavori che L’Iniziativa Repubblicana ha integralmente reso disponibili.

Ora la direzione nazionale deve fare di più. L’itinerario non si immagina, la direzione precisa si sa. Si tratterà di vedere, secondo quando già si era deciso nell’ultimo Congresso di Bari, eventuali compagni di viaggio. Ma è più urgente capire che si può, e che c’è un traguardo. Un traguardo è il documento programmatico che sarà sottoposto alla prossima direzione e che qui pubblichiamo, dove il Partito Repubblicano torna a parlare non della strada fatta, ma della strada da fare.

Il testo è stato redatto da Massimo Andolfi e da Corrado De Rinaldis Saponaro, segretario nazionale del Pri, che abbiamo intervistato.

Ascolta l’intervista