«Dobbiamo diffondere la cultura dei termovalorizzatori»

Rifiuti, Roma sta tentando di ritornare alla normalità, anche grazie alle prove di dialogo tra Comune e Regione. Ama negli ultimi due giorni ha raccolto 3200 tonnellate di rifiuti indifferenziati, ed è stata attivata l’area di Saxa Rubra per il ‘trasbordo’ dei rifiuti. Cosa vuol dire? I camion impegnati nella raccolta erano costretti a fare ore e ore di fila prima di poter conferire in discarica e qualche volta, trovandole chiuse, sono stati anche costretti a tornare indietro. Adesso Ama mette a disposizione altri mezzi in cui verranno ‘trasbordati’ i rifiuti appunto, per liberare i camion che possono continuare a fare il loro lavoro di raccolta. Una soluzione tecnica che dovrebbe consentire di velocizzare le operazioni. Ci saranno in totale dieci aree di trasbordo, da due giorni ne è attiva anche una a Saxa Rubra.

Quello su cui però occorrerebbe lavorare è il cambio di paradigma. Non inseguire le emergenze, non sognare utopie, non recitare slogan, ma impegnarsi in nuovi modelli culturali. Per esempio un progetto che preveda la realizzazione di Termovalorizzatori di nuova generazione.

La notizia del giorno però è il fascicolo di indagine, al momento contro ignoti, per violazione delle norme in materia ambientale, contenute nel decreto legislativo 152 del 2006. Un atto dovuto dopo le tante denunce di cittadini e associazioni. Ne parliamo con Michele Polini, segretario dell’unione romana del PRI.

Ascolta tutta l’intervista
Annunci