Riunito al MiSE il tavolo su Husqvarna

Si è svolto oggi al MiSE il tavolo sul sito produttivo Husqvarna di Valmadrera in provincia di Lecco, a seguito della decisione della multinazionale svedese di chiudere la linea di produzione dei tosaerba con marchio McCulloch che coinvolge circa 80 lavoratori. All’incontro, presieduto dal Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial, hanno partecipato i rappresentanti dell’azienda, dei sindacati, di Confindustria e della Regione Lombardia.

I rappresentanti della Husqvarna hanno informato che la chiusura dei reparti produttivi dello stabilimento di Valmadrera, è riconducibile a una contrazione del proprio mercato di riferimento dovuta a un aumento della concorrenza internazionale. L’azienda ha, inoltre, confermato che nell’ambito della riorganizzazione del sito saranno mantenute le attività commerciali.

Nei giorni scorsi, l’azienda ha raggiunto un’intesa con le organizzazioni sindacali in sede locale per richiedere la concessione di ammortizzatori sociali per i lavoratori che non ricevono lo stipendio dal mese di giugno. Tale richiesta dovrà essere esaminata il prossimo 15 luglio al Ministero del Lavoro.

In vista di questo appuntamento il Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial ha sottolineato che: «L’obiettivo prioritario è quello di preservare un sito produttivo radicato da molti anni sul territorio e tutelare la professionalità dei suoi lavoratori. A tal fine è necessario che l’azienda avvii un percorso, anche attraverso il supporto di advisor specializzati, per verificare la presenza di possibili investitori interessati alla reindustrializzazione del sito lombardo. Il Mise, il Ministero del Lavoro e la Regione sono pronti a mettere a disposizione tutti gli strumenti utili per accompagnare tale processo di mantenimento dell’unità produttiva, a partire dalla CIGS per reindustrializzazione, introdotta da questo Governo proprio per fronteggiare le crisi industriali».